Carabinieri, maxi-confisca di beni a membro del clan “Cannito-Lattanzio”

Sequestrati terreni, appartamenti e conti correnti per 52 milioni di euro

Ieri mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito un decreto di confisca definitiva di beni per un valore di 52 milioni di euro emesso dalla Suprema Corte di Cassazione su originaria proposta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. Si tratta di 29 terreni edificabili, 27 appartamenti, 62 garage, 2 società di costruzioni, 1 società di smaltimento rifiuti, 10 capannoni industriali, 2 vigneti, 16 mezzi di trasporto e 15 conti correnti bancari.

I beni, che erano già stati oggetto di sequestro preventivo nel settembre 2013, sono tutti riferibili a Savino Delvecchio, soggetto contiguo al clan mafioso “Cannito-Lattanzio”, attivo in Barletta e nelle zone limitrofe.