Mennea e Caracciolo: scene da un matrimonio. Scoppia la pace tra i due consiglieri regionali, e su Cascella…

Mennea e Caracciolo: scene da un matrimonio. Scoppia la pace tra i due consiglieri regionali, e su Cascella…

“Scene da un matrimonio”, i più adulti probabilmente lo ricorderanno, è stato un programma di discreto successo condotto da Davide Mengacci ed andato in onda sulle reti Mediaset nei primi anni ’90. Celeberrima  per chi ne ha memoria fu la puntata con protagonisti due sposi barlettani (Michele e Biagia, per la precisione) ed ora, a 20 anni di distanza, le scene da un matrimonio sono tornate a Barletta. Il matrimonio celebrato  e di cui vi stiamo raccontando non è però di tipo religioso o civile, bensì politico ed i protagonisti sono i nostri due consiglieri regionali Filippo Caracciolo e Ruggiero Mennea.

Ebbene sì, avete capito bene, i due acerrimi nemici i due eterni duellanti che in questi anni in maniera più o meno evidente si sono sfidati politicamente all’interno del PD sembrano aver trovato la convergenza. A questo punto viene lecito chiedersi, come è potuto succedere? Galeotto fu, almeno alle apparenze, il comunicato congiunto con il quale i due qualche giorno fa hanno di fatto benedetto l’ingresso di Francesco Spina nel Partito Democratico.

Un comunicato con la firma congiunta di Caracciolo e Mennea a dire il vero non si era mai visto ma i due, ospiti nello scorso fine settimana della trasmissione “Qualcosa in comune”, in onda su Amica 9 e condotta da Mario Colamartino hanno in qualche modo negato che la convergenza sia nata da quel comunicato.

E’ strano- ha affermato Caracciolo- che sia dia così tanta importanza ad un comunicato che ai cittadini penso interessi poco. Dall’avvento del nuovo corso regionale guidato da Michele Emiliano, per noi le cose sono cambiate e ci risulta più facile interagire per creare un’azione comune a vantaggio del nostro territorio”. “Il partito- gli ha fatto eco Mennea- è un luogo di convergenze utili a tutelare gli interessi dei cittadini e per questo non bisogna avere steccati“.

Questi concetti, inequivocabili, sono poi stati riaffermati nel corso della trasmissione nella quale i due hanno ribadito a più riprese la loro volontà di far convergere le forze e risorse al fine convogliarle allo sviluppo del territorio e tal proposito Mennea ha rimarcato come: “In occasione dell’ultimo bilancio regionale abbiamo fatto convergere risorse per il monitoraggio ambientale, il Parco dell’Ofanto e Canne della Battaglia”.

Partendo da questa nuova armonia, i due hanno espresso giudizio molto critico sulla prima giunta Cascella. “Una giunta- ha affermato Mennea- del quale da cittadino non posso dare giudizio positivo”. Una giunta che invece Caracciolo ha definito: “Spesso incapace di decidere e di connettersi alla politica in modo da creare opportunità per il territorio”.

L’auspicio dei due consiglieri regionali è comunque che il nuovo corso della giunta Cascella possa dare uno slancio decisivo alla città. “Oggi gli alibi non ci sono più per nessuno-ha rimarcato Caracciolo– non ci si può nascondere sempre dietro chi trama, bisogna avere il coraggio di mettere in campo le migliori risorse possibili. Il tempo che passa e il tempo che si perde non ce lo restituisce nessuno”. E Mennea, ancora sulla stessa lunghezza d’onda: “Ora non ci sono più scuse.La nuova giunta è stata nominata da poco e se nulla dovesse cambiare bisognerà tirare le somme”.

Scenari nuovi dunque per la politica barlettana, scenari sempre in divenire, derivati da un matrimonio di quelli che era difficile (ma non impossibile, siamo in politica e siamo a Barletta) attendersi.

A cura di Adriano Antonucci