Il mondo del calcio muore la scomparsa di Mario Corso, straordinario mancino della grande Inter di Helenio Herrera. Ricoverato in ospedale da giorni, aveva fatto innamorare milioni di tifosi con le sue punizioni “a foglia morta”. La sua carriera è stata nel segno dell’Inter, la squadra in cui ha giocato 502 gare vincendo 4 scudetti (1963, 1965, 1966, 1971), due coppe dei Campioni (1964, 1965), due Intercontinentali (1964, 1965) dal 1957 al 1973 prima di trasferirsi al Genoa dove ha chiuso la carriera nel 1975. Da allenatore, ha guidato anche il Barletta in serie B, subentrando a Gesualdo Albanese nella stagione 1989/90 e portando i biancorossi alla terza salvezza consecutiva grazie al quindicesimo posto finale.