La nostra azione politica da sempre ci vede impegnati sulla tematica della sicurezza e dell’ordine in città. È evidente che c’è un incremento di fenomeni criminosi, di bullismo, di inciviltà e di arroganza non più tollerabili. Avvertiamo sensibilmente in quest’ultimo periodo il vertiginoso aumento di furti d’auto che ci posizionano al primo posto in Italia, nella sgradevole classifica di tali reati, di atti di bullismo compiuti da baby gang, nei confronti di ragazzi coetanei, a cui si aggiungono reiterati episodi di inciviltà ad opera di alcuni cittadini che generano un’immagine negativa della nostra Barletta.

Incarnando questi imprescindibili valori, che caratterizzano la nostra “mission” politica, abbiamo voluto fortemente condividere, da subito, con il nostro assessore alla Polizia Locale, Valentina Scazzeri, nonché nostra espressione in giunta, auspicando la fattiva collaborazione del dirigente del settore, un’azione mirata atta a contrastare con forza e determinazione questi incresciosi episodi. Nella fattispecie abbiamo richiesto l’impellente istituzione della figura del “vigile di quartiere”, propedeutico al controllo mirato dei vari quartieri della città. Abbiamo prospettato la necessità che, ogni agente della Polizia Locale, venga dotato di strumenti di prima difesa personale, per far fronte alle continue aggressioni di cui sono vittime e nel contempo richiediamo che gli agenti siano fortemente incentivati in modo proporzionale al rischio a cui sono esposti. Saranno effettuati controlli metodici a carico di venditori stradali abusivi di frutta, verdura, pesce e generi alimentari vari, che necessitano di particolari controlli sanitari. Saranno operati controlli e comminate le relative sanzioni, nei confronti di operatori che occupano abusivamente il suolo pubblico, marciapiedi, attraversamenti pedonali, rampe destinate ai “diversamente abili” e saranno sanzionati i responsabili dei “parcheggi selvaggi”, sempre più preponderanti. A tal proposito proporremo la creazione di parcheggi pertinenziali alla ZTL e area pedonale.

Identiche sanzioni saranno richieste nei confronti di chi, ignaro del rispetto altrui, non raccoglie le defecazioni del proprio amico a quattro zampe, per le strade cittadine. Abbiamo richiesto che vengano effettuati controlli nel centro storico della città anche nelle tarde ore serali, dove si concentra maggiormente la movida e dove spesso abbiamo assistito a tristi episodi riportati, poi, dalle cronache nazionali. A tal punto si richiede la collaborazione di tutti quei cittadini che, come noi, sognano una Barletta migliore, più civile, più sicura, ma soprattutto, più evoluta culturalmente. I nostri ragazzi, futuri adulti barlettani, ci osservano e saranno domani bravi cittadini, se il nostro attuale agire è imperniato a vasto raggio sul “vivere civile”, denunciando senza esitazione ogni forma di illegalità, abusivismo, arroganza, prepotenza, che viviamo nella quotidianità.