“Palladio” alla Multisala Paolillo Il 21 maggio

“Palladio” alla Multisala Paolillo Il 21 maggio

Il film sul “Maestro” che ha ispirato gli architetti del mondo

Fu il presidente degli USA Thomas Jefferson a riconoscere l’architettura palladiana come l’esempio per l’estetica degli edifici del potere americani. Nel 2010 Andrea Palladio è stato ufficialmente nominato “il padre dell’architettura americana”. Il maestro del Neoclassicismo è il protagonista di un film d’arte, firmato dal regista Giacomo Gatti e prodotto da Magnitudo, che diventa cinema narrativo realizzato attraverso un documentario “on the road” per cogliere al meglio l’universo antico, ma al tempo stesso modernissimo, di Palladio.

Palladio – The Power of Architecture”, in programma martedì 21 maggio alla Multisala Paolillo (ore 19.30 – 21.45), visita alcuni dei luoghi più strettamente legati al famoso architetto, svela i segreti delle opere originali e, attraverso interviste esclusive con proprietari di ville del Palladio, studiosi e professori, rende una testimonianza rara che sicuramente stimolerà l’interesse degli appassionati di architettura e del pubblico in generale. Un’esplorazione che esamina come questi codici estetici siano venuti a rappresentare il Potere ovunque, in ogni Città, in ogni Paese.

Il film segue il viaggio di un professore cosmopolita dell’Université Libre di Bruxelles, Gregorio Carboni Maestri, impegnato a dimostrare ai suoi studenti del corso di architettura, l’importanza e l’estrema contemporaneità dell’artista vicentino Andrea di Pietro della Gondola detto Palladio. Nel suo viaggio il professore consulterà il suo guru e noto storico dell’architettura Kenneth Frampton e Peter Eisenman, influente docente degli studenti di Yale, ma anche il famoso architetto francese Jean Louis Cohen e il filosofo Massimo Cacciari. Le riprese del film sono state effettuate in Veneto, Lombardia, Lazio e Stati Uniti. La città di Vicenza è il luogo che vede la maggiore concentrazione al mondo di monumenti, ville, edifici palladiani: è il punto di origine di quello che poi per tre secoli è stato il principale movimento architettonico d’occidente.

Alcune delle più belle ville italiane, ora parte dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO, sono state le residenze esclusive della nobiltà veneziana durante il Rinascimento e in seguito sono diventate una fonte di ispirazione per la costruzione di alcuni degli edifici di potere più iconici del mondo: la Casa Bianca, il Palazzo dei Congressi, la Borsa di New York, la casa di Jefferson a Monticello. Per Francesco Invernizzi, fondatore e Amministratore Delegato di Magnitudo Film “Palladio è un’opera che colma il vuoto cinematografico di colui che potrebbe essere definito la prima archistar della storia. Un punto di riferimento della cultura e icona dello stile italiano, un linguaggio universale, un’apertura profetica verso una nuova società.”