Fontana in piazza San Giacomo, condizioni critiche: i cittadini protestano

Rifiuti e ruggine: le foto

E’ arrivata pochi giorni fa la denuncia dei cittadini sui social network e non ha potuto che sortire un’ondata di malcontento: segnalate severamente, infatti, sono state le condizioni in cui riversa la fontana che costeggia l’orologio di San Giacomo, di fronte alla chiesa omonima. Se avessimo avuto la possibilità di vedere com’era Barletta una volta, o come avrebbe potuto essere, in quell’utopia che ne aveva fatto una città promettente, ci renderemmo conto di quante cose vengono trascurate nella nostra città, abbandonate a loro stesse o rovinate dall’inciviltà cittadina. E’ il caso della suddetta fontana, interamente ricoperta di ruggine, sia nella parte esterna che interna. Un gran peccato, dato che ancora funzionante nonostante si tratti di una costruzione indubbiamente datata: l’acqua infatti fuoriesce dal rubinetto, ma chi mai potrebbe avvicinarsi a fare un sorso o anche solo a sciacquarsi le mani se il materiale rugginoso è totalmente pervasivo? Il problema tuttavia non è solo questo, ma una condizione di sozzume e pattume imperante, che attornia la fontana e la piazza: lamentele infatti sono sopraggiunte anche per la sporcizia circostante, tra feci, immondizia e molto altro, che imbratta l’intera zona. Di vero e proprio sdegno i commenti sui social, fra chi definisce questo un orrido spettacolo, chi polemizza e chi sottoscrive invece una terribile verità: non vanno colpevolizzati gli animali (quasi sempre bersaglio preferito per giustificare la sporcizia) ma l’uomo, gli incivili in particolar modo, che non sono in grado di prendersi cura del proprio territorio e di ciò che ne fa parte. Noi auspichiamo che l’amministrazione comunale prenda tempestivi provvedimenti per una miglioria (o eventuale sostituzione) della fontana e una riqualificazione della piazza stessa.

68245995_2236426113121551_2003702561135132672_n 68421694_1353091034850028_5020586511532294144_n 68487246_698077304042442_2056645502006460416_n 68751636_501211633753972_1302600805634801664_n

 

  A cura di Carol Serafino