A Barletta i campionati italiani assoluti di carambola a tre sponde

A Barletta i campionati italiani assoluti di carambola a tre sponde

Organizzato dalla Fibis e dall’Associazione Sportiva Sb Revival di Barletta

Lo spettacolo non è mancato sui tavoli di Barletta. A garantirlo sono stati i protagonisti dei campionati italiani assoluti di carambola a tre sponde, il prestigioso evento biliardistico organizzato dalla Fibis e dall’Associazione Sportiva Sb Revival di Barletta presieduta da Leonardo Straniero. Cinque i titoli tricolori assegnati. Pronostico rispettato in pieno tra i più forti dello Stivale.

Ad imporsi, in un tabellone caratterizzato da un livello tecnico elevatissimo, è stato come da previsione l’esperto Marco Zanetti. Il veterano bolzanino, grazie al successo ottenuto in finale sul siciliano Michele Notarrigo, ha conquistato addirittura il ventottesimo tricolore in carriera. Numeri d’Eccellenza per il più forte d’Italia, capace nel corso del suo straordinario percorso agonistico di salire anche sul tetto d’Europa e del Mondo nella specialità della carambola tre sponde.

Non sono mancate la soddisfazioni durante la kermesse dedicata ai campionati italiani anche per i colori pugliesi. Merito del duo tutto andriese composto da Michele Di Tacchio e Michele Matera, che si è classificato secondo nella prova a coppie. La sconfitta è arrivata nell’atto conclusivo contro Libero Picciano e Fabrizio Cortese. Il titolo juniores, nella competizione riservata agli under 21, è andato invece al promettente Alessio D’Agata, bravo a spuntarla in finale contro Emanuele Criscino. Gli altri successi della rassegna andata in scena a Barletta, infine, sono finiti nelle bacheche del catanese Biagio Buzzanga tra i seconda categoria e del sardo Antonio Orrù nel tabellone di terza categoria. Il sipario è calato, dunque, ma ancora una volta il biliardo ha lasciato ricordi indelebili nella Città della Disfida.