Nuova rotta per il TEDxBarletta Salon, il resoconto del secondo evento

Nuova rotta per il TEDxBarletta Salon, il resoconto del secondo evento

Ha visto l’Acqua come bussola

Nuove idee e sfide sono state le protagoniste della rotta tracciata dal TEDx Barletta Salon, l’evento promosso dagli organizzatori del TEDx Barletta i quali, in attesa del Main Event in programma per questa primavera, hanno voluto riunire la community per tre appuntamenti a cadenza mensile, tema aria, acqua e fuoco. Il secondo appuntamento, che ha visto l’Acqua come bussola, si è tenuto nella suggestiva cornice del Cinema Opera a Barletta. «La direzione che il progetto TEDx Barletta Salon persegue è la divulgazione di idee ed esperienze di vita che non possono restare chiuse in un guscio – dichiarano Elio Palumbieri e Claudio Bruno, tra i promotori. È questo lo stesso principio che ha accompagnato lo scorso maggio il TEDx Barletta, nell’ambito del circuito statunitense nato nel 1984 nella Silicon Valley con l’acronimo TED, Technology Entertainment Design».

Tedx Barletta Salon.

Francesca Pedico presenta il primo speaker della serata: la biologa ambientalista Elvira Trasitano con “Acqua: bene comune e la sua gestione sostenibile”. I dati riportati sono un pugno in faccia: 1,8 miliardi di persone nel mondo utilizzano fonti di acqua contaminate ed escrementi e 2,4 miliardi di persone non hanno accesso ai servizi igienici di base come WC. L’acqua, che dovrebbe rappresentare un bene democratico e accessibile per ogni cittadino della Terra, resta un lusso ancora per molti. Dal palco Elvira Trasitano ha lanciato rifiuti di plastica per sensibilizzare il pubblico: «Dobbiamo fermarci dallo sfrenato consumo di plastica e ridurre lo spreco di acqua. Uniti possiamo fare la differenza. Solo così potremo salvare il nostro pianeta». Dall’acqua come bene primario, Toni Augello cultural manager e digital strategist passa ad argomentare le “5 solide regole in una società liquida”: «Abbi sempre un entusiasmo folle e ingiustificato; di creatività non è mai morto nessuno; prima di aspettarti qualcosa prova a fare qualcosa perché è l’unico modo per raggiungere un traguardo; per condividere cambiamento devi moltiplicare fiducia e infine perde solo chi si arrende». Lo speech si conclude consegnando un messaggio forte: «Spostate la lancetta dell’umanità dall’individualismo verso il senso di umanità». Segue il racconto: “La sete d’Africa, viaggiare dentro sé stessi” della volontaria Grazia Lanotte, la quale insieme all’associazione We Africa raccoglie fondi per consegnare ai villaggi più poveri pozzi d’acqua. «L’Africa entra piano piano, senza far rumore ma resta per sempre fino a diventare uno stato d’animo. L’Africa ti ruba il cuore e lo trattiene per sempre. Il mal d’Africa esiste e ti ruba il cuore. La mia anima è ancora lì».

Non un semplice spettatore ma parte del circuito TEDx Barletta Salon, il pubblico ha avuto modo di porre quesiti e confrontarsi con i relatori della serata. Infine, si è lasciato andare con le note di Giuseppe Piazzolla, in arte JimiRay: chitarrista eclettico che spazia tra le sfumature di rock, blues, funk, soul, folk e country. In sottofondo il rumore della pioggia che sempre emoziona. Barletta questa volta si è immersa in un oceano di idee. Per accorciare il tempo di attesa, prima del prossimo Main Event, si susseguirà un ultimo appuntamento con tema fuoco. Per restare collegati, il team dei giovani barlettani, consiglia di seguire le pagine Facebook e Instagram: TEDx Barletta e il sito https://www.tedxbarletta.it/

Lascia un Commento