Il Manfredonia dell’ex Franco Cinque è la prima squadra a fermare la striscia di vittorie del Barletta, in campionato. Dopo 12 vittorie consecutive per i biancorossi, al San Sabino di Canosa finisce 0-0, con tante emozioni ma nessun gol. Barletta fortemente rimaneggiato, con Pollidori e il neo-acquisto Manzari in panchina e Russo non convocato per infortunio. Manfredonia che si affida al suo capitano Trotta a guidare l’attacco.
Dopo 4 è proprio il capitano dei sipontini a suonare la carica, con un tiro dalla distanza che finisce a lato. Al 10’ ancora Trotta su punizione: la traiettoria non inquadra lo specchio di poco. Al 18’ si fanno vivi anche i padroni di casa con un sinistro di Morra, prontamente ribattuto da Mascolo. Al 37’ ancora l’estremo del Manfredonia chiamato all’intervento, su una punizione di Vicedomini diretta in porta. Ultimo squillo della prima frazione di marca biancoceleste, con Laburda che calibra il destro dalla distanza e Tucci che alza prontamente oltre la traversa.

Nella ripresa è assalto biancorosso, con gli uomini di Farina che cercano disperatamente il gol-vittoria. Al 13’ Lavopa ci prova da fuori area, ma la palla sorvola la traversa di un soffio. Al 16’ Vicedomini cerca la stoccata d’esterno da fuori, ma la palla non centra non specchio della porta difesa di Mascolo. Al 23’ Eletto prova un tiro-cross in diagonale, con la palla che attraversa tutta l’area senza essere raccolta da nessuno. Al 36’ Manzari, capocannoniere del girone, può bagnare con il gol il suo debutto stagionale con la maglia biancorossa. Il cross di Lanzone viene intercettato in tuffo dal centravanti ex-Unione, ma Mascolo sfodera una parata plastica che serve per deviare la sfera in corner. Al 41’ Pignataro prende l’ascensore su corner e colpisce di testa. La palla dà l’illusione del gol, ma scivola di un soffio alla destra di Mascolo. Le ultime offensive del Barletta non danno frutti e il match si conclude a reti bianche.

I biancorossi, reduci da 3 partite in 7 giorni, soffrono le assenze e la stanchezza e non appaiono particolarmente lucidi, ma conservano sempre nove lunghezze di vantaggio sulla vice capolista Corato. Il Manfredonia raccoglie un punto prezioso, dopo una partita di sacrifico e resistenza alle offensive della regina del Girone A di Eccellenza. Nel prossimo week-end il Manfredonia giocherà ancora in trasferta, questa volta contro la Vigor Trani, mentre il Barletta farà visita al San Marco.