Trionfo del centrodestra nelle elezioni politiche. La coalizione guidata da Fratelli d’Italia e completata da Lega, Forza Italia e Noi Moderati, vince la tornata elettorale del 25 settembre, tornando al governo a undici anni di distanza dall’ultima legislatura retta da Silvio Berlusconi.

55,58% l’affluenza nelle urne a Barletta, il 13% in meno rispetto a quattro anni fa, dato ampiamente previsto e che si inserisce in un più generalizzato problema di astensionismo nazionale. Il sistema elettorale misto, diretta conseguenza del ”Rosatellum”, ha visto il centrodestra trionfare, alla Camera, nel collegio uninominale di Andria (U 03), a cui afferisce la città di Barletta. Nel maggioritario infatti, a prevalere è stata la candidata Mariangela Matera, eletta in Parlamento grazie anche al 43,36% raggiunto nella ”Città della Disfida”. Secondo posto per l’esponente del Movimento 5 Stelle, Angela Anna Bruna Piarulli che si issa al 28,68%, mentre solo un 19,28% per Sabino Zinni e il centrosinistra. Nel plurinominale invece, affermazione del partito guidato da Giuseppe Conte (in continuità ma con percentuali più basse rispetto al 2018), che tocca il 28,8%. Al secondo posto, Forza Italia, che presenta Marcello Lanotte nella lista del proporzionale, che raggiunge il 19,95%.

I dati si mantengono anche per il Senato, che si articola su base regionale differentemente dalla Camera dei Deputati. Nell’uninominale di Andria (U 02), vince a Barletta, come in tutti gli altri comuni del collegio, il candidato del centrodestra, Francesco Paolo Sisto, grazie ad un complessivo di 18.285 voti. Nel plurinominale, Movimento vincente con il 26,70%, mentre il secondo partito a Barletta è Fratelli d’Italia che tocca il 20,32%(con la candidatura di Stella Mele) e supera di pochi punti percentuali Forza Italia (che ha riproposto Dario Damiani). Malissimo PD(12%) e Lega (5%), con il ”Carroccio” che conferma le indicazioni del contesto nazionale.

A cura di Giacomo Colaprice