“Rebel hearts”, il secondo appuntamento della rassegna “In Jazz”, in programma venerdì 27 gennaio alle ore 21.00 al Politeama Paolillo di Barletta, propone al pubblico della Sala Tognazzi due prestigiosi artisti pugliesi: Cinzia Eramo (vocalist) & Pino Mazzarano (chitarre, effetti, loop machine). Una decisione mirata quella del direttore artistico Antonio Simone di inserire nel calendario della manifestazione, protagonisti eccelsi del panorama musicale della nostra regione.

Il duo, consolidato da una ventennale collaborazione, torna sul palco per condividere la scelta di un jazz contemporaneo, ispirato a celebrità internazionali del calibro di Pat Metheny, Carla Blay, David Bowie, Joni Mitchell. Brani interpretati con un linguaggio vitale e creativo che invita a ricercare nuove sonorità. Sguardo realistico sul mondo in “Rebel hearts”. Il pentagramma delle note accoglie i temi della globalizzazione, della guerra, dell’ecologia. Impegno civile ben amalgamato all’attivismo musicale per coniugare l’inno alla bellezza, alla vita, all’amore in tutte le sue forme.

Cinzia Eramo è dotata di una solida tecnica vocale, mirata sia all’impostazione lirica che ad un’agevole improvvisazione jazzistica. “È una cantante fuori dai canoni della tradizione – scrive il giornalista Ugo Sbisà – La sua è una vocalità sempre più aperta ai rischi dell’improvvisazione totale, della contaminazione, pur senza mai recidere il legame con la strada maestra”.

Nata a Gioia del Colle, inizia il suo percorso artistico nel 1990 come autodidatta. Una voce che suona, tra le più interessanti degli anni 2000. Ha studiato con autorevoli maestri. Dopo la laurea in Filosofia all’Università di Bari comincia la sua ascesa artistica con la partecipazione alla Multijazz Orchestra coordinata da Roberto Ottaviano, Pino Minafra, Nicola Pisani, Vittorino Curci a cui si aggiungono i concerti con rinomati musicisti come Gaetano Partipilo, Davide Santorsola, Mimmo Campanale, Gianni Lenoci, Pino Mazzarano. Cinzia Eramo insegna all’accademia di musica, teatro e danza di Bari e docente di canto in alcuni conservatori.

Appassionato di musica fin da piccolo, Pino Mazzarano coltiva lo studio della chitarra a 8 anni. Nato a Triggiano si diploma in chitarra classica al Conservatorio Nino Rota di Monopoli e poi in musica jazz. La sua formazione avviene con numerosi maestri jazzisti di fama mondiale: Roberto Ottaviano, Ettore Fioravanti, Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi. Ha collaborato con Ronnie Jones, Steve Lacy, Glenn Ferris, Joanna Rimmer, Rossana Casale, Tullio De Piscopo, Paolo Lepore, Patty Pravo, Al Bano, Massimo Ranieri, Iva Zanicchi, Paolo Vallesi, Renzo Arbore, Lino Banfi, Marco Armani.

L’evento live in programma al Politeama Paolillo segue il successo della serata inaugurale della rassegna “In Jazz” con l’esibizione di “Nunzio Ferro Casinò” gruppo composto da Nunzio Ferro (chitarra), Marco Cavaliere (chitarra), Giovanni Mastrangelo (contrabbasso), Luigi Acquaro (clarinetto). La formazione ha eseguito i brani dell’album “C’est la vie” e arrangiamenti e rivisitazioni di note standard jazz, gipsy jazz, influenze blues, ballad e swing italiani.

Prossime date di “In Jazz” venerdì 3 febbraio ore 21.00  “Oda Para Astor” Vince Abbracciante & Aldo Di Caterino (omaggio ad Astor Piazzolla); venerdì 10 febbraio ore 21.00 “On My Path” Antonio Simone Trio Feat Gaetano Partipilo (musica e filosofia con esecuzione di alcuni standard jazz riveduti da Antonio Simone).