Evento speciale al Politeama Paolillo di Barletta per tutti gli appassionati di anime e cult giapponesi. Il 21 e il 22 maggio in programma sul grande schermo “Capitan Harlock. L’arcadia della mia giovinezza”, versione restaurata in 4K del film di Tomoharu Katsumata che narra del famoso pirata spaziale nato nel 1977 per mano del fumettista Leiji Matsumoto. 45 anni fa, il 9 aprile del 1979, il corsaro conquistò il pubblico italiano con una leggendaria e seguitissima serie tv. Occhio coperto da una benda nera, cicatrice che gli attraversa il volto, lungo mantello, stivali che anticipano il suo arrivo con passo leggero e autoritario, Capitan Harlock affascina fin dalle prime uscite. Il pirata spaziale diventa una star e il 28 luglio 1982 successo al botteghino per la prima del lungometraggio di “Capitan Harlock. L’arcadia della mia giovinezza”.

L’appuntamento al cinema festeggia il particolare anniversario con una straordinaria reunion dei fan di Harlock. Un progetto esclusivo di Nexo Digital distribuito in collaborazione con Yamato Video.

Mini poster del film per gli spettatori della Multisala Paolillo. Un omaggio da conservare per ricordare un capitano molto caro a Matsumoto (scomparso nel 2023 a 85 anni) che così sintetizzava il suo lavoro: “Per me un pirata è sinonimo di libertà. Ho compreso fin da giovane che un drappo pirata può rappresentare le vestigia di noi stessi quando combattiamo per un ideale. L’Arcadia è un microcosmo, l’unione di tante persone che si aiutano a vicenda e non sanno se faranno mai ritorno dalle loro avventure”.
Il film non solo racconta la giovinezza di Harlock e il periodo in cui comanda la nave spaziale Death Shadow, ma permette di conoscere i legami con personaggi storici come Tochiro, Emeraldas e Mayu che si oppone sino alla morte contro il nemico dichiarato degli Umanoidi. Dettaglio non trascurabile, si scopre la causa della cicatrice sul viso del protagonista.