Caracciolo «Fondi regionali per autismo e monitoraggio ambientale a Barletta»

Caracciolo «Fondi regionali per autismo e monitoraggio ambientale a Barletta»

«Tutela delle persone, ambiente e salute»

«Aumento considerevole delle risorse da destinare come fondi per le spese alle famiglie con soggetti affetti dal Disturbo dello Spettro Autistico e risorse per dare continuità alle azioni del Monitoraggio Ambientale Integrato in corso nella zona industriale del Comune di Barletta. Si tratta dei principali obiettivi raggiunti – scrive il consigliere regionale e Presidente della V Commissione Ambiente Filippo Caracciolo – in cui è riassunto il mio impegno nel Bilancio 2017 della Regione.

Autismo: ammonta a 1 milione 650 mila euro la somma approvata su mia richiesta dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, dall’Assessore al Bilancio Raffaele Piemontese e dal consiglio regionale da destinare come fondi per le spese alle famiglie con soggetti affetti dal Disturbo dello Spettro Autistico che utilizzano il trattamento psicoeducativo cognitivo comportamentale: 1,5 milioni euro Metodo ABA, 150 mila euro Metodo Doman. Il finanziamento di cui al Capitolo 712047 (Contributi ai cittadini pugliesi che si avvalgono del metodo ABA, art. 9, L.R. 45/2008) è finalizzato a sostenere le famiglie aventi diritto, fino all’attuazione del regolamento n. 9 dell’8 Luglio 2016. L’erogazione del finanziamento, sino ad esaurimento delle risorse stanziate, avrà luogo fino alla data di attuazione del regolamento e la conseguente presa in carico totale dei pazienti e delle loro famiglie, attraverso la erogazione delle necessarie terapie, ivi compresa la Metodica ABA, a carico totale del Servizio Sanitario Regionale. Un atto concreto verso chi ha più bisogno; un aiuto con cui la Regione Puglia va incontro alle difficoltà delle famiglie già gravate dalla crisi e soprattutto un modo per testimoniare la vicinanza delle istituzioni ai familiari, alle associazioni e a chi vive ogni giorno da vicino e sulla propria pelle il tema dell’autismo. L’importante stanziamento è la prova dell’impegno mantenuto a trovare le risorse necessarie assunto anche nel corso di un convegno tenutosi a Canosa il 28 Settembre 2016 a cui ho partecipato con il collega consigliere regionale Francesco Ventola che ci ha visti destinatari di una richiesta di attenzione da parte di familiari, rappresentanti delle associazioni e professionisti attivi in materia di Autismo. Si tratta di un risultato importante a beneficio delle famiglie che si pone in continuità con un lavoro che mi vede da anni impegnato in prima linea sul fronte dei diritti. Nel 2016 con l’approvazione del regolamento regionale sull’Autismo la Regione Puglia ha fatto un ulteriore passo avanti: ora tocca a tutti noi produrre il massimo sforzo per dare piena e completa attuazione al regolamento partendo dall’ineludibile esigenza della continuità assistenziale e la personalizzazione dei percorsi.

Salvaguardia dell’Ambiente e tutela della Salute continuano ad essere costantemente sotto l’attenzione della Regione Puglia: la somma stanziata dalla Regione Puglia per proseguire le attività di monitoraggio ambientale integrato nel Comune di Barletta è pari a 500.000 mila euro. Grazie alle risorse messe a disposizione dalla Regione Puglia, col mio interessamento, sarà possibile potenziare le attività di monitoraggio ambientale estendendo l’area interessata della zona industriale e dare avvio alla fase di sperimentazione della bonifica sempre con la collaborazione degli enti coinvolti e sottoscrittori dell’apposito Protocollo di Intesa da me promosso a fine 2015 ovvero Provincia BT, Comune di Barletta, Arpa Puglia, CNR-Irsa e ASL BT. Il monitoraggio ambientale integrato ha l’obiettivo di consegnare alla cittadinanza elementi certi da fonti qualificate circa lo stato di inquinamento ambientale con la possibilità di porre tali elementi come punti di partenza per un’azione di risanamento ambientale doveroso verso il territorio e la comunità.

Si tratta – conclude Caracciolo – di punti che hanno come comune denominatore l’attenzione alle persone e la tutela dell’Ambiente e della Salute. Ho sempre inteso la mia azione politica da consigliere regionale e Presidente di Commissione come una possibilità da offrire a chi è poco tutelato o poco considerato dalle istituzioni: continuerò ad operare con questo spirito».