L’appuntamento, ormai diventato tradizione, è fissato, come sempre per il 29 dicembre 2017 alle ore 21.15 presso il Teatro Curci di Barletta. Di scena l’incanto e l’atmosfera gioiosa del Tradizionale Concerto di Capodanno che, come ogni anno, viene riproposto dall’Associazione Cultura e Musica “G. Curci” , nello splendido scenario del Teatro Curci e che come ogni anno, ha fatto registrare il tutto esaurito. Sul palco la Radio Kiev Symphony Orchestra – Ukrainian Philharmonic Orchestra, diretta da un direttore italiano di fama internazionale, il maestro Maffeo Scarpis.

La Radio Kiev Symphony Orchestra – Ukrainian Philharmonic Orchestra è una delle più importanti orchestre sinfoniche dell’ est Europa. È nata nel Novembre del 1918 dal Consiglio dei Ministri Ucraino. Il primo direttore è stato Oleksander Horily, invece Natan Rzachlin è stato il direttore Artistico dell’orchestra dal 1937 e per i seguenti 25 anni. Stefan Turchak, Volodymyr Kozhuchar, Fedir Hlushchenko, Igor Blazhkove Theodore Kuchar si sono succeduti nel dirigere l’orchestra, a questi si uniscono: Leopold Stokovsky, Igor Markevitch, Kurt Sanderling, Evgeny Mravinsky, Kirill Kondrashyn, Evgeny Svetlanov, Gennady Rozhdestvensky. Tra i solisti più famosi che si sono esibiti insieme la UKRAINIAN PHILHARMONIC ORCHESTRA ci sono sicuramente Artur Rubinstein, Yehudy Menuhin, Isaak Stern, David Oistrach, Sviatoslav Richter, Mstislav Rostropovich, Emil Gilels, Leonid Kogan, Gidon Kremer, Oleh Krysa, Monserrat Kaballe, Jose Carreras, Juan Diego Florez. Alla Radio Kiev Symphony Orchestra – Ukrainian Philharmonic Orchestra fu affidata la prima delle opere dei seguenti compositori: Sergey Prokofiev, Dmitriy Shostakovich, Aram Khatchaturian, Boris Lyatoshynsky, Valentyn Silvestrov, Myroslav Skoryk, Evgen Stankovych.L’orchestra ha vinto inoltre riconoscimenti internazionali in poco tempo; dopo una prima apparizione a Mosca Dmitri Shostakovich commentò: “Questa orchestra ha in sé musicisti non equiparabili a nessun altra. L’ensemble dell’orchestra è di alti livelli. In più, i vari solisti e i gruppi strumentali all’interno dell’orchestra suonano eccezionalmente e riescono a raggiungere la più alta bellezza, così da farla diventare la più grande orchestra sinfonica del mondo”. Dal 1993 la Radio Kiev Symphony Orchestra – Ukrainian Philharmonic Orchestra ha registrato più di 80 dischi che includono anche pezzi del repertorio Internazionale ed Ucraino. Molte di queste registrazione hanno ricevuto un importante riconoscimento internazionale. Nel 1994 l’ Australian Broadcasting Company (ABC) ha considerato le registrazioni della Radio Kiev Symphony Orchestra – Ukrainian Philharmonic Orchestra che includono le Sinfonie n° 2 e n° 3 di Boris Lyatoshynsky la “Migliore registrazione dell’anno”. Il CD del “Requiem for Larissa” di Silverstov ha avuto la nomination per il 47° Grammy Awards; mentre il CD dei concerti per violino di Bloch e Lee sono stati nominati per il 51° Grammy Awards. La Radio Kiev Symphony Orchestra -Ukrainian Philharmonic Orchestra, si è esibita in tournée in tutto il mondo: Australia, Austria, Belgium, Belarus, Czech Republic, Denmark, France, Germany, England, Hong Kong, Iran, Italy, Kazakhstan, Lebanon, Netherlands, Poland, Portugal, Russia, Slovakia, Spain, Switzerlande United Arabian Emirates.

Il grande successo dell’iniziativa è ogni anno testimoniato dal “tutto esaurito” del Teatro; e così anche quest’anno, come è ormai tradizione cittadina, in un teatro incredibilmente stracolmo di pubblico, avrà inizio il tradizionale, eppure sempre diverso, concerto di capodanno, un evento atteso da tutti con intensa trepidazione e che unisce varie generazioni in un messaggio augurale di pace e condivisione. Divenuta una consuetudine ormai rinsaldatasi anche al di fuori della capitale austriaca, tale incontro raduna tutti coloro che amano accogliere l’arrivo del nuovo anno in modo tradizionale e a ritmo di melodie famose e amate. Sebbene il programma musicale ruoti intorno alle personalità della famiglia Strauss, Johann padre e figlio, saranno eseguite anche celebri ouverture e danze di altri compositori. Da Kaiser Valzer, all’Ouverture della “Cavalleria Leggera”, dal Capriccio Spagnolo al Tritsch -Tratsch Polka, da Voci di Primavera al Klip Klap Galop, dal Valzer del Bel Danubio Blu, a “La Caccia” e tanti altri valzer e polke ancora , fino a concludere con la tradizionale e coinvolgente “Marcia di Radetzky”. Una celebrazione memorabile per salutare nel migliore dei modi l’arrivo del Nuovo Anno, rinnovando uno degli appuntamenti più amati ed attesi dal grande pubblico e che nella città di Barletta è diventato ormai tradizione .

Per informazioni 0883 332456 Botteghino del Teatro Curci – Corso V. Emanuele, 71 – Barletta ( 10 -13 17.30 – 20.30) Associazione Cultura e Musica “G. Curci” tel.380 3454431 [email protected] ; www.culturaemusica.it;www.facebook.com/asscurci; @asscurci