Applausi, emozione e un pizzico di commozione. “Sarò vostra figlia” è diventato uno spettacolo teatrale, in grado di suscitare sentimenti e generare l’entusiasmo del pubblico presente venerdì 14 dicembre al Teatro Sociale di Fasano, dove ha debuttato in anteprima il nuovo spettacolo della Compagnia Glitter dedicato al delicato tema dell’adozione e dal titolo “Sarò vostra figlia”, romanzo (ed. Cairo, 2015, 216 p., brossura) scritto da Tommy Dibari tre anni fa. La messa in scena rappresenta un momento di riflessione importante, attraverso la storia dei personaggi del romanzo, che nel racconto teatrale prendono vita facendo riflettere su questo grande atto d’amore, l’adozione, tanto da renderlo a tutti gli effetti un vero e proprio atto di nascita.

Sarò vostra figlia, Tommy Dibari foto 2

“Quando un romanzo viene alla luce, è indiscutibilmente una nascita. Quando poi lo stesso romanzo diventa uno spettacolo teatrale, è come se quella gravidanza si ripetesse per la seconda volta” è la gioia dell’autore. “Per me è stata una piccola, grande gioia – commenta emozionato Dibari – il 2018 è stato per me un anno da incorniciare: dopo l’ottimo impatto sul mercato del libro dedicato a Pietro Mennea, ora questa prima che mi riempie di gioia – ammette – ovviamente l’obiettivo ora è arrivare anche a Barletta. Ci sono buone speranze che ciò avvenga, il dialogo in tal senso è stato aperto. Sono grato alla Compagnia Glitter per la sensibilità e l’attenzione dimostrate al romanzo”. L’allestimento vede protagonisti i ragazzi della “Compagnia Glitter”: Simona Baccaro, Matteo Di Tano, Roberta Lisi, Alessandro Leogrande, Tommaso Ancona, Mariliana Petruzzi, Angelo Angelini, Miriam Convertini, Davide Lombardi, Nunzia Abbracciavento. L’adattamento Teatrale e la Regia sono di Teresa Cecere, Nunzia Abbracciavento ne ha curato le Coreografie e Miriam Neglia la Direzione Musicale. Nello spettacolo, è stato presentato anche il primo brano inedito della Compagnia intitolato “Semplicemente accade”, scritto e musicato dal maestro Antonio Torella ed ispirato a una delle parti del romanzo. E non finisce qui: lo spettacolo presentato a Fasano, a partire dal 2019 farà tappa in diversi teatri della regione al fine di sensibilizzare sul tema e raccogliere fondi per la causa delle adozione.