Manca la maggioranza in Consiglio comunale, oggi seconda convocazione

Manca la maggioranza in Consiglio comunale, oggi seconda convocazione

L’opposizione esce dall’aula, Cannito: «Fa parte del gioco della politica»

È tornato a riunirsi, ieri in seduta pomeridiana, il Consiglio comunale presso la sala consiliare di via Zanardelli, prevedendo l’approvazione di diversi debiti fuori bilancio, ben 5, dopo il punto riguardante le interrogazioni e le interpellanze dei consiglieri all’Amministrazione; questo è un momento ritenuto importante, per le Opposizioni soprattutto. Pare che, prima della seduta, fosse stato deciso che la presenza in aula dei consiglieri di opposizione avrebbe dovuto garantire la prosecuzione dei lavori fino al riconoscimento dei debiti fuori bilancio. Le cose non sono andate così. A sentire la chiusa del Consigliere di maggioranza Memeo: «Siccome sapevamo già che, per impegni familiari, alcuni di noi sarebbero dovuti andare via, informalmente avevamo chiesto ai colleghi dell’opposizione se volevano invertire i punti all’ordine del giorno per votare prima i debiti fuori bilancio. Ci è stato risposto di no, temendo che noi avremmo poi abbandonato l’aula arrivati al punto delle interpellanze di opposizione. Ma è avvenuto esattamente il contrario». «Che io sappia» – ha tenuto a precisare invece il consigliere d’opposizione Carmine Doronzo – «non c’è stato nessun accordo esplicito, almeno non col nostro gruppo consiliare che anzi ha abbandonato l’aula proprio per sottolineare la mancanza di una maggioranza» . E così, gran parte dell’opposizione ha abbandonato l’aula al secondo debito illustrato dall’assessore al Bilancio, Gennaro Cefola. Per cui il numero legale è venuto a mancare e il Consiglio è stato sciolto essendo rimasti presenti solo in 15. Ricordiamo che il numero necessario in prima convocazione per la votazione, come da regolamento del Consiglio comunale di Barletta, è la maggioranza assoluta, cioè 17. Come ha ricordato Cannito: «Questo fa parte del gioco politico», sottolineando che l’opposizione ha preferito seguire un discorso di opportunità per mettere in difficoltà la maggioranza; non ci sarebbero problemi di tenuta della maggioranza, come facilmente si potrebbe dedurre da questo episodio. Comunque tutto è rimandato alla seconda convocazione prevista per oggi pomeriggio.

In apertura dell’assemblea, il sindaco Mino Cannito ha ufficialmente informato l’inserimento nella pianta organica del Comune per la dott.ssa Caterina Navach come Dirigente comunale per i servizi sociali. Anche i consiglieri Massimo Spinazzola e Vincenzo Laforgia hanno lasciato il gruppo politico rappresentante la lista civica di elezione per convergere nel Gruppo misto. Il consigliere Carmine Doronzo (Coalizione civica), come già annunciato attraverso gli organi di stampa locale, ha chiesto al Sindaco, quale responsabile cittadino della salute pubblica, di riferire riguardo gli episodi di cattivo odore, ripetutisi anche nella giornata di domenica 23 giugno nel quartiere Medaglie d’Oro, ma che comunque si verificano spesso; il Sindaco ha chiesto la collaborazione di tutti i cittadini nel segnalare immediatamente i fenomeni in causa, poiché si tratta spesso di rifiuti anche speciali che vengono illecitamente bruciati in aree limitrofe alla città. Il consigliere Coriolano (M5S) ha segnalato la non adeguatezza delle passerelle per l’accesso alla battigia del mare, soprattutto ai disabili; queste ci sono solo in alcune spiagge libere e non arrivano fino al mare come previsto dalla normativa regionale, non rendendo possibile l’utilizzo delle cosiddette sedie “JOB”, sebbene queste siano state donate l’anno scorso dall’amministrazione comunale dall’associazione UNITALSI, nel numero di tre. Utile ricordare che il disabile ha il diritto, come tutti, di raggiungere il mare indipendentemente dall’uso della particolare sedia a rotelle; il Comune deve vigilare nell’adempimento sia sui lidi in concessione ai privati, sia adempiendo ai propri obblighi, prima di tutto di civiltà, nelle spiagge libere.