Semifinale mondiale raggiunta al secondo tentativo: è il risultato ottenuto dalla barlettana Paola Piazzolla, tesserata delle Fiamme Rosse, nelle acque di Linz, in Austria, durante il recupero odierno.

Secondo recupero – I primi tre in semifinale gli altri in finale C: Paola Piazzolla inizia con il giusto piglio il recupero del singolo leggero femminile, piazzandosi subito a condurre sulle avversarie. A metà gara Australia e Irlanda seguono l’azzurra a un secondo e mezzo di distanza, mentre la Svezia momentaneamente prima delle eliminate ha un ritardo di quasi tre secondi. Il margine di vantaggio accumulato ai 1000 metri non fa rilassare l’azione della sculler pielle delle Fiamme Rosse, che battendo 34 colpi tenta di ricacciare indietro il tentativo di rimonta australiano e irlandese, con le rispettive singoliste che sperano in un calo dell’azzurra, dopo la sua prima parte iniziale a tutta. Ai 1500 metri Italia ancora avanti sull’Australia mentre l’Irlanda è terza e cede qualcosa nei confronti della Svezia, che prova la rimonta per l’ultimo slot disponibile per la semifinale. Nell’ultimo quarto la singolista Aussie mette la quarta per tentare il sorpasso su Paola Piazzolla che deve stare attenta a non essere risucchiata dal punta a punta tra Irlanda e Svezia per la terza posizione. Gli ultimi metri sono di passione, l’australiana Arch riesce nel sorpasso a Paola Piazzolla, che termina seconda con pochi centesimi sull’irlandese Heaphy, mentre nel finale la svedese Fredh crolla e finisce in finale C con la cinese Fu. Italia in semifinale. 1. Australia 7.47.82, 2. Italia (Paola Piazzolla-Fiamme Rosse), 3. Irlanda, 4. Svezia, 5. Cina