Abbandono illecito rifiuti, immortalati oltre 60 trasgressori

Abbandono illecito rifiuti, immortalati oltre 60 trasgressori

Elevate tra fine luglio e agosto

Le foto di oltre 40 pedoni e 11 targhe, fra auto e ciclomotori, raccolte nel periodo che va dal 26 luglio a tutto il mese di agosto scorsi, sono al vaglio della polizia municipale di Barletta, che sta identificando i responsabili dell’illecito abbandono di rifiuti in città. Proseguono, infatti, le attività di controllo sul territorio comunale, disposte dal sindaco Cosimo Cannito, d’intesa con il comando di Polizia locale e Bar.s.a., per contrastare l’abbandono dei rifiuti per strada,
in violazione delle regole e delle disposizioni che disciplinano la raccolta differenziata, con l’ausilio di foto trappole.
Le immagini allegate, che riguardano via della Repubblica, via Manfredi, via Minervino, via Mura del Carmine, via Pozzo sant’Agostino, via Ofanto, via Prascina e via Regina Margherita, mostrano quanti, in barba alle disposizioni vigenti, continuano a lasciare i rifiuti per strada a ogni ora. La polizia municipale è al lavoro per la loro identificazione, alla quale seguirà la convocazione a Palazzo di Città e l’elevazione della sanzione prevista, che sarà introitata nelle casse comunali. “Qui non si tratta soltanto di violare delle norme che, pure, sono importanti – ha detto il sindaco Cosimo Cannito – ma di non avere alcun
rispetto per la città e per gli altri”. “Guardare le immagini ritratte dalle telecamere piazzate in tutta la città, dal centro alla periferia, ogni volta è desolante – ha aggiunto Cannito – e fa tanta rabbia vedere la naturalezza con cui, adulti, che dovrebbero dare l’esempio, lasciano se non addirittura lanciano, senza alcun ritegno e vergogna, rifiuti di ogni genere per strada, sul marciapiedi, accanto alle campane del vetro o ai cestini per le carte”. “Ma come ho sempre detto e ribadisco – ha concluso il primo cittadino – questo non ci farà desistere, al contrario i controlli saranno intensificati e chi continuerà a sporcare e offendere la città sarà sanzionato”.