Lunedì scorso l’Assemblea regionale Anci-Puglia ha eletto i 17 delegati, che con gli otto sindaci dei comuni capoluogo, parteciperanno al Congresso nazionale Anci di Arezzo (19-21 novembre 2019). Sarà questa l’occasione per eleggere il nuovo presidente nazionale dell’Associazione dei Comuni. Tra questi è il risultato eletto il consigliere comunale di Barletta, Carmine Doronzo, che nell’assise barlettana siede tra i banchi dell’opposizione alla maggioranza del sindaco Cannito per la lista “Città Futura”.

Il giovane consigliere Doronzo, già candidato come sindaco di Barletta, è già vicepresidente dell’assemblea regionale dell’Anci dal 2018; soddisfatto per il risultato ottenuto: «Sono felice di poter rappresentare la Puglia e in particolare Barletta e la Bat al congresso nazionale dell’Associazione Comuni Italiani. Quella sarà la sede per chiedere al Governo una maggiore attenzione verso i comuni nell’ottica di maggiori risorse finanziarie. Troppo a lungo gli enti locali sono stati utilizzati come bancomat per le leggi finanziarie; questo è inaccettabile perché ha causato l’aumento della tassazione locale ai danni dei nostri concittadini. È giunto il momento di allentare i vincoli della spesa pubblica per investimenti in istruzione e infrastrutture e di rimettere i Comuni al centro di un’agenda politica che valorizzi gli enti ed i servizi di prossimità.

Inoltre, Doronzo promette di proporre al Congresso nazionale: «di non restare indifferente di fronte a quanto sta accadendo in Siria e di promuovere, a seguito della brutale invasione turca, patti di amicizia, comune per comune, con la popolazione curda impegnata in prima linea nella lotta al terrorismo islamico».