Coccodrilli al Polo Nord? Non è fantascienza, ma storia vera. Perché il clima del nostro pianeta, tra mari di magma, glaciazioni ed estinzioni di massa, ha attraversato brusche mutazioni, come ci racconta lo scienziato Antonello Provenzale, direttore dell’Istituto di Geoscienze e Georisorse del CNR. Il suo saggio “Coccodrilli al Polo Nord e ghiacchi all’Equatore” (2021, 396 pp.), edito da Rizzoli, ci offre una ricostruzione completissima di quanto è avvenuto dalle origini fino ai giorni nostri, facendoci comprendere anche come si comporta la macchina del clima planetario: un sistema complesso e dinamico in cui gli organismi viventi giocano un ruolo cruciale e potenzialmente distruttivo.

Tesi e numeri che Provenzale esibirà e racconterà a Barletta, in Piazza Marina, giovedì 5 agosto alle 21, nella presentazione del suo libro che lo vedrà accompagnato sul palco dal giornalista Gianvito Rutigliano. Saranno loro i protagonisti del sesto e ultimo appuntamento per l’estate 2021 della rassegna letteraria “Storie, libri e cucina in Piazza Marina”, avviata il 7 luglio e passata per ospiti del calibro di Marco Garavaglia, Giorgio Terruzzi, Mattia Zecca, Damiano e Margherita Tercon e Andrea Albertini. Appuntamenti gratuiti, svolti nel rispetto delle normative anti-Covid e con un solo must: ingresso libero, curiosità obbligatoria.

“Coccodrilli al Polo Nord e ghiacchi all’Equatore” – Sul cambiamento climatico abbondano le teorie, le opinioni, spesso le cosiddette fake news. Alle visioni più apocalittiche, che mettono in dubbio il futuro stesso del pianeta, rispondono altri che – magari non essendosi mai occupati di clima – si dichiarano scettici sulla reale portata di tali mutamenti e sulla possibilità da parte dell’uomo di governarli. Antonello Provenzale, uno degli scienziati che si occupano attivamente di questi argomenti in Italia, ci spiega come si comporta la macchina del clima planetario: un sistema complesso e dinamico in cui gli organismi viventi giocano un ruolo cruciale. Si parte dagli eventi catastrofici che hanno segnato la storia della Terra nell’arco di milioni di anni, tra mari di magma, glaciazioni, estinzioni di massa, e quelle ere inusuali in cui anche al Polo Nord abitavano i coccodrilli oppure altre in cui l’Equatore era ricoperto di ghiaccio. Da qui, si passa al funzionamento del clima planetario, determinato da fenomeni quali il ciclo dell’acqua, la composizione dell’atmosfera, l’effetto serra, le correnti oceaniche, i cicli degli elementi chimici, l’apporto energetico del Sole o la riflessione della luce da parte dei ghiacciai. Con chiarezza e verve divulgativa, Provenzale ci offre la più esauriente storia di quanto è avvenuto al clima della Terra, dalle più remote origini fino ai giorni nostri. Sugli effetti dei cambiamenti in corso, la conclusione di Provenzale è esplicita: «Non stiamo mettendo a repentaglio la “sopravvivenza del pianeta”, che è stato in grado di resistere a cambiamenti ben più epocali, ma possiamo infliggere danni pesanti alla nostra stessa specie, alla nostra società e al giusto desiderio di un’equa distribuzione delle risorse. Il pianeta è sempre sopravvissuto, ma molte specie sono state spazzate via dal teatro della vita. E non vorremmo che la nostra facesse troppo presto la stessa fine».