Ancora una carcassa spiaggiata in modo desolante sulle spiagge di Barletta, questa volta in zona Belvedere, nei pressi della rotonda sulla litoranea di Levante. Ad aver dato l’allarme, un post di Antonio Binetti, subacqueo ambientalista, che ha subito allertato il WWF. Accorsi sul posto il Centro Recupero Tartarughe di Molfetta con la Guardia Costiera e il CERT per procedere con l’identificazione dell’animale. Dalle prime stime e analisi visive effettuate dall’uomo con la supervisione di esperti e biologi, la carcassa sembrerebbe appartenere ad un esemplare di Foca Monaca, uno dei mammiferi più rari dell’Europa, in quanto in vita pare ne esistano circa 500 e sono una specie a rischio di estinzione. Un’ipotesi con la quale andare cauti e che necessita di approfondimenti, prima di incorrere in inutili allarmismi ed errori di valutazione. Dalle prime considerazioni, l’animale non sembrerebbe riportare ferite riconducibili ad imbarcazioni, ragion per la quale si è ipotizzato che la foca possa essere approdata sulle nostre spiagge già morta, probabilmente trasportata dalla corrente, ma per conferma bisogna attendere gli esiti dell’esame autoptico. Al momento la carcassa è ancora sul posto e non può essere rimossa, in attesa di ulteriori valutazioni. Si prega la cittadinanza di non vilipendere né toccare in alcun modo l’animale.

A cura di Carol Serafino