L’Ambulatorio Popolare sta crescendo a vista d’occhio, dal punto di vista numerico, e quindi ha avuto la necessità di trovare altri spazi da utilizzare come magazzino, per liberare quelli della prima sede a favore delle tante attività che l’associazione barlettana ha avviato in questi anni sul territorio cittadino. Iniziative benefiche, di cui beneficiano quelle fasce di popolazione più povere, che più di altre soffrono le difficoltà del vivere quotidiano.

Ieri sera, è stato inaugurato questo nuovo spazio in via Manfredi 7: sarà svolta la distribuzione alimentare, degli indumenti, dei pannoloni, pannolini, assorbenti, prodotti per l’igiene personale e della casa, consentendo all’altra sede di realizzare più liberamente le attività mutualistiche tra cui il doposcuola e l’Università popolare, il corso di LIS, il corso di italiano per stranieri, il laboratorio di recupero di arti e mestieri. «Perché il mutualismo – afferma Cosimo Matteucci, rappresentante dell’Ambulatorio Popolare – è anche la ricerca di nuove occasioni e nuove opportunità di lavoro per quelle persone che il lavoro non lo hanno, l’hanno perso o vogliono reinventarsi».

Tante le donazioni che hanno reso possibile queste importanti attività di altruismo, «Ogni euro che arriva all’Ambulatorio – prosegue Matteucci – viene usato per fare questo. Voglio ringraziare tutta la comunità per il sostegno e l’affetto». I generi alimentari più richiesti sono principalmente i prodotti non deperibili, come quelli in scatola e a lunga conservazione. Tra i prodotti che hanno più difficoltà a reperire, c’è l’olio, che proprio in questi giorni si va producendo, anche nei nostri frantoi, ma anche prodotti per la prima infanzia (soprattutto latte in polvere e per la crescita).

Un piccolo brindisi per inaugurare la nuova sede, con l’annuncio di voler realizzare un nuovo progetto riguardo al “Paniere del sabato”; così come l’attività che si svolgeva già nel secolo scorso in Piazza Plebiscito, in cui contadini, panettieri, allevatori, pescatori, commercianti, portavano delle mercanzie per venderle e barattarle: quel mercato ci piacerebbe tantissimo farlo rivivere, proponendolo per il periodo prenatalizio. L’idea è quella di coniugare quella vecchia tradizione con le modalità mutualistiche dell’Ambulatorio. La proposta verrà avanzata al Commissario prefettizio del comune, sperando di riuscire in questa iniziativa, in un così breve lasso di tempo.