Mancano solo le ultime tessere per completare l’intricato puzzle della nuova giunta comunale di Barletta. Da quasi un mese il sindaco Cannito è alle prese con le operazioni di rimpasto dell’esecutivo dettate dall’urgenza di rilanciare l’azione amministrativa e di ricomporre gli equilibri interni alla maggioranza. Gli ultimi nodi saranno sciolti all’inizio della prossima settimana ma le certezze, ormai, prevalgono sui dubbi. È pronta all’ingresso in giunta Elisa Spera, già assessore durante il primo mandato di Cannito, a cui potrebbero toccare le deleghe di Polizia Locale ed Ambiente. Il suo profilo è stato proposto dalla lista “Barletta al centro”. Il secondo nome nuovo dell’esecutivo, indicato dalla lista “Cannito Sindaco”, è quello dell’avvocato Rosaria Mirabello, già componente del direttivo del comitato di quartiere Zona 167, a cui dovrebbe essere assegnata la delega ai Servizi Sociali. “Forza Italia” chiude il cerchio sul nuovo assessore allo Sport: si tratta di Marcello Degennaro, referente per la Bat di “Sport e Salute”, ex Coni Servizi. I tre nuovi volti della giunta prenderanno il posto nell’esecutivo di Antonella Crescente, attuale assessore allo Sport, e dei già dimissionari Michele Loconte ed Anna Maria Riefolo, ex titolari delle deleghe a Polizia Locale ed Ambiente. Cannito attende adesso solo il via libera della lista “Amico”, chiamata a sostituire l’attuale assessore ai Servizi Sociali, Francesca Piccolo. Il primo nome proposto al sindaco è quello dell’avvocato Anna Maria Scommegna, già candidata nel 2018 nelle fila del Partito Democratico, indicazione del consigliere comunale Ruggiero Fiorella. Ma il segretario del movimento “Amico”, Oronzo Carli, ha inviato nel pomeriggio una nota in cui comunica che lui, al pari di tutti gli altri candidati della lista, non è mai stato consultato né convocato ad un tavolo politico-amministrativo per la scelta del nuovo assessore, a cui dovrebbero toccare le deleghe al Personale e agli Affari Istituzionali. Per Cannito l’ultimo problema da risolvere prima del varo della nuova giunta.

Il servizio.