Prosegue con grandissimo successo di pubblico e di critica la 39.ma stagione Musicale dell’ Associazione Cultura e Musica G. Curci di Barletta, sotto la Direzione Artistica del maestro Francesco Monopoli.

Appuntamento attesissimo quello di domenica 16 aprile, con porta alle ore 18,00 e inizio alle ore 18,30, con l’esibizione di Silvia Mezzanotte e l’Orchestra ICO Suoni del Sud, presso il Teatro Curci di Barletta.

Voce tra le più apprezzate del panorama italiano, Silvia Mezzanotte ripercorre con l’Orchestra Sinfonica Ico Suoni del Sud diretta da Mario Longo le tappe più importanti della sua trentennale carriera: dai grandi successi registrati come voce dei Matia Bazar, della quale è stata front woman per oltre dieci anni (tra i brani, Brivido caldo e quel Messaggio d’amore con cui la band vinse nel 2002 il suo secondo Festival di Sanremo), alle canzoni che l’hanno resa protagonista negli album da solista. Ma durante il concerto Silvia Mezzanotte, che ancora oggi considera il periodo con i Matia Bazar una vera università, renderà anche omaggio ai cantautori ai quali si è ispirata da bambina, per poi celebrare le più grandi interpreti della musica italiana e internazionale. Tra queste regine, Dionne Warwick, con la quale incise un singolo prima della pandemia, la canzone inedita «Sparami» che le due artiste avrebbero dovuto presentare nel 2018 al Festival di Sanremo. E poi Mia Martini, con la quale l’ex Matia Bazar ha avuto un rapporto diretto come corista del suo ultimo disco. «La ricordo come una donna molto scherzosa, autoironica», ha raccontato la cantante, che continua a portare anche all’estero le canzoni dei Matia Bazar in duo con il suo storico fondatore, Carlo Marrale. Interprete particolarmente raffinata, Silvia Mezzanotte toccherà tanti universi in un viaggio a 360 gradi nel quale troveranno spazio molte altre regine del pop attraverso successi senza tempo che si spoglieranno della loro classicità per entrare a pieno titolo nella modernità di nuovi arrangiamenti, oppure per rinascere in una versione sorprendente, magari tradotta in una lingua diversa dall’originale. Un percorso che Silvia Mezzanotte ha intrapreso e arricchito di volta in volta dopo l’uscita dai Matia Bazar, in seguito alla scomparsa nel 2015 di Giancarlo Golzi, storico leader del gruppo. Sono state, infatti, le «regine» della musica a riportare Silvia Mezzanotte sul palco. «Alcune aspettavano da un po’ nascoste nei quattro angoli del cuore», racconta ancora la cantante, voce di gran classe e artista con un orizzonte musicale e sconfinato.

Info : www.culturaemusica.it    tel. 3803454431