Lungomare di Ponente: c’è l’area pedonale, manca l’estetica

Lungomare di Ponente: c’è l’area pedonale, manca l’estetica

Una cancellata che fa discutere

«Sembra l’inizio di una strada di campagna». O ancora: «Nemmeno 50 anni fa si utilizzavano arredi urbani così spartani». Oppure: «Dà la sensazione di accedere a una proprietà privata, non a un’area di libero passaggio e passeggio». E’ stato sufficiente ascoltare i commenti dei primi passanti-e bagnanti, diretti verso il mare-per apporre la qualifica di ‘rimandato’ alla cancellata scelta per delimitare la porzione di area pedonale individuata dall’ordinanza comunale protocollo n. 41989 del 30 giugno 2106 lungo la controstrada del litorale di Ponente, intitolato a Pietro Mennea. Due pagine di documentazioni e spiegazioni che possono essere così riassunte: stop al transito di veicoli-eccetto quelli dediti allo scarico merci per lidi e ristoranti,  le vetture delle forze dell’ordine e mezzi dediti alla pulizia del manto stradale-tra il porto e via Luigi Dicuonzo, apertura di parcheggi a pagamento lungo la strada a scorrimento veloce sita sul Lungomare e revoca delle disposizioni riguardanti la chilometrica pista ciclabile contenute in un’ordinanza comunale risalente a marzo del 2009.

ordinanza area pedonale lungomare (1)

Dalle prime ore di questa mattina gli operatori della Bar.S.A. sono stati all’opera nell’area per installare la delimitazione d’antan, già nel mirino dei cittadini. La pittura è fresca, così come i commenti che si sono susseguiti sul web. «Con tenacia e convinzione stiamo consegnando alla nostra comunità’ 3,5 chilometri di area pedonale (lungomare Pietro Mennea)-ha scritto sul proprio profilo Facebook l’assessore comunale alle attività produttive, Giuseppe Gammarota-centinaia di cittadini potranno camminare, correre, passeggiare, godersi uno dei lungomare più belli del sud». Le foto sono presto diventate virali e oggetto di analisi, anche velenose, da parte di componenti dell’opposizione. La querelle si è presto spostata dalle virtuali stanze politiche ai bar, nell’eterna lotta tra estetica e funzionalità. Il risultato? Una cancellata di campagna a pochi passi dal mare. Coprirsi gli occhi, sorpassarla e gustarsi il panorama. Questo il suggerimento.