La discussione politica torna ad imperare della massima assise cittadina; ieri è tornato a riunirsi, in seduta pomeridiana, il Consiglio comunale di Barletta nella Sala consiliare di via Zanardelli. Subito accolta la proposta del consigliere Losappio di devolvere 100 € a testa, tra consiglieri e Giunta, per i bambini più sfortunati per cui si realizzerà una simbolica raccolta di doni, presso l’iniziativa “Sogno di Natale”. Come già avevamo riferito nelle ore precedenti l’incontro, è arrivata la domanda del M5S, tramite la consigliera Carone, riguardante la diffida ricevuta dal sindaco Cannito da parte della consigliera regionale della Commissione Pari opportunità, Anna Maria Maraschio, che in sostanza dà cinque giorni per provvedere a sistemare il numero dei componenti della Giunta, rispettando l’art.1 della LR 56/2014 sulla parità di genere, per cui almeno il 40% degli assessori deve appartenere al sesso opposto. Questione già aperta da fine ottobre, ma adesso il mancato adempimento potrebbe costare un ricorso al Tar. Il Sindaco non si è pronunciato questa volta, lasciando spazio di risposta all’assessore con delega alle Pari opportunità, Rosa Tupputi, riconoscendo che sta lavorando per risolvere politicamente la questione, che ormai ha vita breve. Ricordiamo che l’ultima sostituzione è stata quella che ha provocato il problema numerico: Nicola Salvemini è subentrato ad Anna Maria Lacerenza. Inoltre, è stata rettificata dalla stessa Giunta proprio ieri mattina prima del Consiglio, l’iscrizione di Palazzo Bonelli tra i beni del Comune alienabili, ma riportato tra i valorizzabili; questo ha fatto seguito ad una polemica suscitata dalla stampa in questi giorni. Per ora il Palazzo è salvo, anche grazie all’interessamento della pubblica opinione, ma si deve urgentemente trovare una soluzione riguardo al futuro di questo immobile che va sempre più degradandosi a causa delle condizioni di abbandono in cui versa.

Al primo punto all’ordine del giorno, è stato discusso l’aggiornamento del programma del DUC (Distretto Urbano del Commercio), presentato dall’assessore Lanotte: un Piano rivolto a coloro che vorranno investire imprenditorialmente nel tessuto urbano della città. La proposta è stata approvata, con due emendamenti, con 23 voti, all’unanimità dei presenti. L’abilità politica di Cannito ha voluto sottolineare come il M5S non abbia sostenuto il provvedimento sul commercio, infatti i consiglieri si sono allontanati dall’aula nel momento del voto; inoltre «anticipo che la consigliera regionale Maraschio – ha stigmatizzato, con toni accesi, il Sindaco – che ha redatto la diffida, non è titolata a farlo, poiché si tratta di una questione di organizzazione istituzionale e non lavorativa». Dopo un acceso botta e risposta tra Cannito e i consiglieri del Movimento5Stelle, è stata introdotta, dall’assessore al Bilancio Gennaro Cefola, la relazione per il DUP (Documento Unico di Programmazione) 2020/22 propedeutico all’approvazione del Bilancio di previsione, che dovrebbe giungere in aula per l’approvazione, secondo l’assessore, entro le festività natalizie. Approvato anche questo provvedimento con 22 voti a favore.

Il nuovo capogruppo del Partito Democratico è stato nominato in Ruggiero Mennea, subentrando a tale ruolo, al consigliere Benedetto Delvecchio già candidato sindaco per lo stesso partito.