«Non starò qui a scrivere un ulteriore lungo comunicato stampa. È spesso inutile con chi finge spudoratamente di non vedere e non sentire. D’altronde la cittadinanza tutta ha assistito, persino in diretta Facebook al “comizio improvvisato” tenuto dal sindaco Cannito in zona Settefrati quando per “valorizzare la zona e l’area in questione” proponeva la nascita di un’isola ecologica! Senza però presentarsi, insieme ai suoi accompagnatori, quantomeno con un progetto da mostrare.

Ed allora pensavo, dopo averlo ripetuto mille volte, alla strada sulla quale insiste la Litoranea di Levante! Dopo un anno di denunce e di richieste la strada continua a cadere sempre più letteralmente a pezzi! Ma per caso per valorizzarla avete già pensato ad un centro di raccolta vista mare? È chiaro che la mia è pura provocazione, ma davvero i cittadini cosa devono aspettarsi ancora da chi amministra Barletta? Si sta aspettando la tragedia, probabilmente, su quella strada tanto frequentata e transitata. Poi ci sarà il solito scarica barile? È così difficile porla in sicurezza? Se vi rendete incapaci di agire anche dinanzi a certe evidenti circostanze, probabilmente, sarebbe corretto decidiate di farvi da parte».

Tonio Di Cuonzo (Forza Italia Barletta)