Flavio Basile

«Dopo le due morti delle passate settimane, fortunatamente l’ennesima tragedia, ai passaggi a livello di Barletta, è stata evitata grazie all’intervento di un uomo. Si sarebbe trattato del terzo caso nel giro di pochissimo tempo». -Così Flavio Basile, capogruppo della lista civica di opposizione “Adesso Puoi” e presidente della Commissione Consiliare “Lavori Pubblici” più volte intervenuta sulla questione.- «La politica non può restare spettatrice di quanto accaduto ma deve necessariamente occuparsi della problematica in essere

«Sono anni che attendiamo i lavori di soppressione di tutti i passaggi a livello di Barletta. Ricordo che lo scorso anno, nonostante le reiterate richieste di RFI (Rete Ferroviaria Italiana), solo dopo l’intervento della Commissione Lavori Pubblici, si diede una forte accelerata ai lavori bloccati per la realizzazione del sottovia di via Einaudi/via Fracanzano (propedeutico al superamento del passaggio di via Milano), oggi, finalmente, in corso d’opera. Mi auguro che da allora l’amministrazione comunale Cascella non sia stata ferma e abbia proceduto, così come si era impegnata a fare nel corso di una mia commissione, a caldeggiare l’iter relativo alla realizzazione del sottopasso di via Manin e all’abbattimento del più problematico dei passaggi a livello, ovvero, quello di via Andria.»

«Chiedo per questo al sindaco, Pasquale Cascella, di fare chiarezza e di specificare a che punto siamo con i lavori. È inammissibile nel 2017 morire così. Non abbiamo altre soluzioni. Barletta e l’Italia, più in generale, hanno bisogno di correre e di non aspettare 5, 10, 15, 20 anni per vedere realizzare opere pubbliche così importanti».