È stato illustrato nel corso di un convegno, la scorsa sera al Palazzo della Marra di Barletta, il tema “Contrasto agli sprechi alimentari: interventi e risorse per la comunità”. Un momento di riflessione ed informazione che ha preso vita nel corso delle attività del Piano sociale 2018-2020 – Ambito territoriale di Barletta.
Dopo i saluti istituzionali durante il pomeriggio è intervenuto Ruggiero Mennea, consigliere regionale promotore della legge regionale n. 13 del 2017 per il “Recupero e riutilizzo di eccedenze, sprechi alimentari e prodotti farmaceutici”, che ha relazionato sul Piano regionale per la lotta alla povertà e la legge regionale da lui promossa.

La dirigente del Settore servizi sociali del Comune di Barletta, Santa Scommegna ha illustrato il “Piano sociale di zona e il contrasto alla povertà”, mentre l’avvocato Carmen Craca, consulente che ha collaborato alla stesura della legge regionale 13/2017, ha presentato l’Avviso Pubblico n. 623 del 10 ottobre 2018, per il finanziamento agli Ambiti Territoriali e Sociali, di progetti per rafforzare le reti locali intese al contrasto degli sprechi alimentari e farmaceutici e per il recupero delle eccedenze in attuazione della legge regionale 13/2017.
Un pubblico eterogeneo ha preso parte al convegno, un momento di grande rilievo nel corso del quale la città di Barletta è stata esortata dalle parole del consigliere regionale Ruggiero Mennea, a prendere parte attivamente per combattere gli sprechi alimentari. Numeri preoccupanti quelli illustrati durante il pomeriggio di informazione, numeri che la Regione Puglia intende contrastare promulgando la legge per la tutela delle fasce più deboli della popolazione e incentivare la riduzione degli sprechi, attraverso il riconoscimento, la valorizzazione e la promozione di attività di solidarietà e beneficenza per il recupero e la redistribuzione delle eccedenze alimentari oltre che dei prodotti farmaceutici, per favorire persone in stato di povertà o grave disagio sociale. La Regione Puglia attraverso la legge suddetta, intende promuovere e valorizzare azioni per il recupero e la redistribuzione degli sprechi alimentari da destinare al consumo umano e animale.
Una legge che ha numerosi ed importanti obiettivi, tra cui quello di ridurre l’impatto ambientale causato dai rifiuti alimentari e dai farmaci scaduti, contribuire alle attività di informazione e sensibilizzazione degli operatori nel settore alimentare, coordinare l’attività degli interessati nella distribuzione alimentare e farmaceutica, oltre che promuovere la creazione e la diffusione di modelli di partenariato con la promozione di accordi di collaborazione tra operatori e donatori, coordinare le attività di controllo e promuovere l’utilizzo trasparente delle eccedenze.