«Una notizia importante per il nostro territorio – così in una nota da parte di ItaliaViva BAT. Riprende da oggi la circolazione dei treni sulla linea Barletta-Spinazzola, dopo il rinnovo dei binari e l’attivazione del sistema di sicurezza Controllo- Marcia-Treno lungo l’intera tratta ferroviaria e l’automazione di alcuni passaggi a livello. Con l’auspicio che tutti i collegamenti vengano assicurati con i treni senza più ricorso ai bus sostitutivi.
Ora attendiamo i lavori per l’elettrificazione della linea, con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) che prevede il progetto per l’elettrificazione della tratta Barletta–Canosa con un fondo di 100 milioni di euro, nel contesto di quella “cura del ferro” che è stata al centro dell’intervento di Teresa Bellanova, Viceministra alle Infrastrutture e mobilità sostenibili, in occasione dell’evento online di ItaliaViva della scorsa primavera, con l’obiettivo irrinunciabile di recuperare il ritardo infrastrutturale del Mezzogiorno.
“Non si dà un rinnovato ruolo dell’Italia nello scenario mediterraneo se non si recupera compiutamente il gap di sviluppo e di dotazione infrastrutturale tra aree del Paese e soprattutto tra Nord e Sud”, sottolineava Teresa Bellanova. “La piattaforma logistica nel Mediterraneo che il Mezzogiorno è, ha bisogno di qualità integrata per esplicare tutto il potenziale di cui è capace. Non è solo una questione di natura economica. E’ tema che attiene ai diritti di cittadinanza delle comunità meridionali, e dunque alla relazione mobilità – accessibilità che interessa tutti i territori del4 Mezzogiorno”.
La Viceministra ha anche assicurato il proprio impegno a valutare le istanze pervenute dal territorio, a partire dall’estensione della prevista elettrificazione della rete ferroviaria da Canosa a Minervino Murge e Spinazzola. L’obiettivo è quello di migliorare e rendere efficiente il sistema di mobilità pubblica tra l’entroterra murgiano e la zona costiera della BAT, e in tale ottica il potenziamento della linea Barletta-Spinazzola costituisce un elemento essenziale per lo sviluppo dell’intero territorio provinciale».