“Guai a chi si rifiuta”, al via la campagna di sensibilizzazione di ScartOff

“Guai a chi si rifiuta”, al via la campagna di sensibilizzazione di ScartOff

Dieci appuntamenti nelle scuole di Barletta

Stimolare bambini e ragazzi a nuove idee per il recupero di oggetti “scartati” che potrebbero inquinare campagna e città, mari, fiumi e laghi, boschi e montagne, e quindi rovinarne la bellezza: è questo il concept di Guai A Chi Si Rifiuta , progetto itinerante promosso dall’Associazione Culturale Scartoff di Barletta in collaborazione con la compagnia Room to Play. Il progetto avrà il via lunedì 8 ottobre alle 10 presso la scuola primaria “Rodari”, per poi terminare venerdì 16 novembre dopo una serie di 10 incontri che coinvolgeranno tutte le scuole statali di Barletta e goderanno del patrocinio dell’amministrazione comunale. Attori, pupazzi e simpatici burattini racconteranno una storia incentrata sul tema della raccolta differenziata porta a porta, sul riuso e riciclo dei rifiuti e rispetto dell’ambiente.

guai a chi si rifiuta banner loghi (1)

IL PROGETTO– Guai A Chi Si Rifiuta nasce dall’esigenza di radicare nella cultura delle nuove generazioni la consapevolezza che l’ambiente è un bene fondamentale che va assolutamente tutelato. Il progetto mira a proporre ai bambini uno stile di vita nuovo, che consenta di superare consumi talvolta eccessivi di oggi, che ci portano a sprecare molto di quello che abbiamo. La raccolta differenziata e il porta a porta diventano una spettacolo, strumento educativo a portata di mano anche dei più piccoli, nel quale ogni protagonista rappresenta un rifiuto. Un vero e proprio tour sulla raccolta differenziata, nel quale i bambini coinvolti – circa 1500 – diventano protagonisti e aiutano i personaggi a trovare la giusta soluzione e dar vita a un concerto. Come per magia i giornali, le stoffe, le lattine, prendono nuova vita sotto forma di pupazzi, burattini, strumenti musicali e quanto altro la fantasia spinge a creare. “Vogliamo provocarli sul corretto uso dei rifiuti e provocarli dal punto di vista della fantasia e della creatività in merito agli strumenti a disposizione” assicurano dall’Associazione Culturale Scartoff.

gruppo2

LO SPETTACOLO– Un’esilarante avventura di personaggi allegri e divertenti disposti a tutto pur di non essere buttati. Risate e colpi di scena in compagnia di: Arcigordo, un buffo personaggio che ama il compostaggio; Sr Lamiero, un elegante signore fatto di alluminio; Tetrapack, un robot realizzato con contenitori di succo di frutta, Miss Cartò una bambola di carta, Bustine, una signorina di plastica, tutti amici raggirati dal terribile Lord Sudicio Abrasivo e il suo aiutante Zozzetto che rappresentano l’indifferenziato. Un saggio bidone stravolgerà la sorte del terribile Lord Sudicio Abrasivo, riusciranno Ser Lamiero, Tetrapack, Miss Cartò, Arcingordo, Bustine e il simpatico Zozzetto a non cadere nella trappola e ad essere riciclati? Lo spettacolo è stato ideato con testo e canzoni inedite, suonate dal vivo durante l’esibizione dagli attori di Room to Play. L’allestimento scenografico e i protagonisti sono realizzati dagli artigiani di Scartoff, ecobottega di riuso creativo. A questo si aggiungono strumenti musicali realizzati con materiale di recupero che animeranno momenti ludici mirati a stimolare la creatività e la consapevolezza che un rifiuto possa diventare qualcosa di utile e divertente

CALENDARIO EVENTI:

08/10 – Primo Circolo Didattico Pietro Mennea presso scuola primaria “Rodari”
10/10 – Primo Circolo Didattico Pietro Mennea presso scuola elementare “San Domenico Savio”
19/10 – Quinto Circolo Didattico della scuola elementare “Modugno”
22/10 – Primo Circolo Didattico del complesso “Musti-Dimiccoli”
26/10 – Terzo Circolo Didattico della scuola elementare “Fraggianni”
31/10 – Primo Circolo Didattico scuola elementare “D’Azeglio- De Nittis” nel plesso Principe di Napoli
07/11 – Sesto Circolo Didattico Raffaele Girondi nel plesso Padre Raffaele Dibari
09/11 -Scuola dell’infanzia di Largo Primavera
13/11 – Asilo Nido Comunale
16/11 – Settimo Circolo Giovanni Paolo II