Alla fine ha prevalso il buon senso. Marcello Lanotte resta coordinatore provinciale di Forza Italia per acclamazione dei partecipanti al congresso della Bat celebratosi ieri a Barletta. Evitata la conta dei voti con l’altro candidato in campo, il generale in pensione Giacomo Triglione, in favore di un accordo tra le due mozioni facenti capo al presidente del consiglio comunale di Barletta e al senatore Dario Damiani. L’area di Marcello Lanotte, largamente favorita alla vigilia, ottiene 7 delegati su 8 al congresso nazionale e i due terzi dei componenti del coordinamento provinciale. Forza Italia, spiega Lanotte, può proseguire con più serenità e rinnovata fiducia quel processo di radicamento sui territori premiato due anni fa dall’ottimo risultato conseguito alle elezioni politiche.

Come accaduto a Barletta e Brindisi, Forza Italia intende ritagliarsi un ruolo da protagonista anche nelle prossime sfide elettorali all’orizzonte.

Per il senatore Dario Damiani, i congressi provinciali hanno il valore di un test per misurare l’unità e compattezza del partito dopo la scomparsa del suo fondatore, Silvio Berlusconi.

Il servizio.